Spedizioni gratuite in tutta Italia per ordini a partire da € 70,00

Olio di oliva di Sorrento

Sorrento è conosciuta nel mondo per i suoi piatti a base di pesce e per il suo intramontabile limoncello.

Ma forse non tutti sanno che anche l’olio di oliva è un tesoro gastronomico di questa penisola che vive sì di mare e di pesca ma ha anche un entroterra ricco e fertile in cui gli ulivi trovano un habitat ideale.

Perché scegliere l’olio di oliva di Sorrento e non quello ligure o pugliese?

È una questione di “sapori della terra” perché le piante respirano e si nutrono di quel che hanno intorno.

E la natura della penisola sorrentina non ha uguali nel resto d’Italia.

È una sensazione da provare.

Vieni a scoprire come nasce il tutto.

Come nasce l’olio sorrentino

L’ottimo olio di Sorrento nasce dalla terra.

Non è una novità, dirai, ma ascolta attentamente perché qui la “terra” non è una “terra” qualsiasi.

Gli strati di roccia vulcanica che si mescolano alle zolle ricche di minerali rendono l’entroterra della campagna sorrentina particolare.

Qui cresce di tutto e cresce bene, anche grazie al clima caldo ma non afoso, e spesso ventilato.

Gli ulivi venivano coltivati qui fin dai tempi dei Greci e i Romani ricavavano l’olio per offrirlo alla dea Minerva!

La tradizione delle olive è dunque antichissima e tramandata da generazioni.

Anche l’esperienza fa di questo olio qualcosa di speciale.

Caratteristiche dell’olio sorrentino

L’olio DOP di Sorrento, ovvero a Denominazione d’Origine Protetta, è quasi sempre una produzione
di olio extravergine.

Le olive dalle quali si ricava sono del tipo Ogliarola o Minucciola (in quantità 65%) mescolate al 35% di olive Rotondella, Frantoi o Leccino. 

Queste olive di solito maturano benissimo tra novembre e dicembre, a volte anche qualche settimana prima.

La raccolta tuttavia deve essere fatta entro la fine di dicembre, prima che arrivi il freddo vero.

Viene fatta a mano per selezionare meglio la qualità delle olive, che poi subiscono un processo meccanico soltanto per l’eliminazione dei rami e per la pressatura.

L’olio che se ne ricava è di un bel colore giallo chiaro, con sfumature verdi specialmente quando è giovane.

Gli esperti lo definiscono “equilibrato” nel senso che tutti gli aromi della terra sono perfettamente mescolati in armonia, e si sentono moltissimo erbe come rosmarino o menta.

Al gusto, però, questo olio acquista forza e carattere che non sospetteresti mai: una nota dolce combatte con il piccante che pizzica la gola e fa tossire, ma lascia un sapore intenso e gradevole.

Come si usa l’olio di Sorrento

Questo vero gioiello della gastronomia sorrentina viene utilizzato per condire i piatti alla griglia.

Ottimo per gli arrosti di pesce, va bene anche sulla carne alla brace.

Potete usarlo anche sulle verdure grigliate e ovviamente sulle insalate.

La sua “morte” è nell’insalata di limone o in quella di pomodoro.

Ma potresti anche assaggiarlo semplice, gocciolato su una fetta di pane con sale e pepe!

Se alla fine prenderai un dolce al limone noterai come questo gusto esalterà ancora di più quello che l’olio ti ha lasciato in bocca.

Benefici e proprietà dell’olio extravergine di oliva

L’olio Extravergine di oliva, non è solo un condimento, ma un prezioso alleato nella vita di tutti i giorni, nel fornire al nostro corpo preziosi nutrienti.

L’EVO è un olio che si ottiene dalla prima spremitura dei frutti dell’ulivo denominati drupe.

A partire dalla raccolta fino all’estrazione di olio, il tutto deve avvenire in maniera meticolosa onde evitare di incidere negativamente sulla qualità dell’olio, che dovrà risultare ben conservato ed integro.

Ciò che determina la qualità del prodotto è l’acidità: il pH dell’olio extravergine di oliva insieme a parametri gustativi ed organolettici, rappresenta il metro di giudizio nella valutazione della qualità del prodotto.

L’olio extravergine di oliva come patrimonio dell’umanità Tutti i nutrizionisti sono concordi nell’affermare che l’olio extravergine d’oliva è il condimento ideale grazie all’equilibrio dei grassi in esso contenuti.

Presenta acidi grassi mono-insaturi, che sono tra le sostanze più importanti per prevenire disturbi cardiovascolari, mentre risulta povero di grassi saturi che causano l’aumento del colesterolo nel sangue e sono direttamente responsabili dell’occlusione delle arterie, dell’infarto miocardico e di arteriosclerosi.

È ricco invece di acido oleico, un grasso mono-insaturo che riduce i livelli del colesterolo cattivo in favore di quello buono. La presenza di grassi mono-insaturi, rendono l’EVO resistente ad alterazioni, il che significa che tende a non andare a male e a sopportare bene la cottura, raggiungendo anche temperature elevate senza produrre sostanze nocive. Ecco perché rispetto a ciò che si è sempre sostenuto in passato, è perfetto anche per friggere alimenti. Differenze con altri oli

Ciò che rende unico l’olio extravergine d’oliva rispetto ad altri oli è la presenza di polifenoli, antiossidanti naturali necessari alla nostra salute in quanto proteggono l’incorruttibilità delle membrane cellulari, fornendo così una difesa contro lo sviluppo e la formazione di tumori, oltre a contrastare perdita di memoria e altre alterazioni delle funzioni cognitive dovute all’invecchiamento.

Una delle caratteristiche principali dell’olio extravergine di oliva è che è una fonte naturale di vitamina E, noto antiossidante che favorisce il rallentamento dell’invecchiamento cellulare, oltre a proteggere le ossa da decalcificazione ed osteoporosi.

Altra sostanza che si trova in abbondanza nell’EVO è lo squalene, che in base agli studi effettuati, è efficace nel contrastare i tumori della pelle. Indicazioni sul consumo dell’olio extravergine d’oliva Anche se l’olio extravergine di oliva non ha controindicazioni bisogna far attenzione al: metodo di conservazione, quantità consumata.

Dal momento che si tratta di un olio abbastanza calorico, si dovrebbe non esagerare con il consumo, soprattutto se si vuol tenere sotto controllo il peso.

Per quanto riguarda invece il metodo di conservazione, va tenuto in un luogo buio e lontano da fonti di calore e va consumato massimo entro 18 mesi dalla data di produzione.

Inoltre, tende ad ossidarsi all’aria e quindi non bisognerebbe mai ripristinare il livello dell’olio in una bottiglia mezza vuota, ma suddividere l’olio in tante bottiglie quanti sono i litri.

Fattoria Terranova, produce Olio Extravergine di Oliva di qualità superiore, prodotto esclusivamente da olive selezionate di origine italiana spremute a freddo.

Acquista ora la tua bottiglia d’olio extravergine d’oliva, qualità garantita da Fattoria Terranova di Sorrento.

È questo il vero souvenir di Sorrento!